Trionfo di Sapori

  • Comune di Savigliano Irpino
    Savignano
    Irpino
    capofila
  • Comune di Casalbore
    Casalbore
  • Comune di Greci
    Greci
  • Comune di Montaguto
    Montaguto
  • Comune di Montecalvo Irpino
    Montecalvo
    Irpino
  • Comune di Zungoli
    Zungoli

prodotto-tipico

 

Savignano, circondata da campi di grano che esaltano i colori del territorio e recano piacere alla vista, trova nella pasta il frutto migliore della sua terra, da sempre ponte tra la tradizione dei maestri pastai campani ed il Tavoliere delle Puglie, il più grande e pregiato Granaio d'Italia. Il trionfo di sapori genuini è assicurato dalle tipiche orecchiette, che è possibile provare anche nella più delicata versione all'uovo, rigorosamente lavorate a mano, simbolo di una tradizione pastaia ultrasecolare e segno della vicinanza con le antiche terre d'Apulia. Qui, dove il grano ha costituito per secoli un'importante risorsa di vita, generando una tradizione alimentare contadina che si è tramandata per generazioni fino a diventare cultura, la pasta è un prodotto che vanta origini molto antiche, distribuite tra leggenda e realtà. Gli archeologi trovano tracce di un impasto di cereali già nel Neolitico, impasto che diventerà poi la pasta di oggi, diffondendosi in tutto il continente Euroasiatico e realizzando un primissimo esempio di globalizzazione. La Campania è oggi la capitale della pasta sia fresca che secca, in tutti i suoi formati: corta, lunga, ripiena e non. Soprattutto in Irpinia è ancora facile imbattersi in una massaia avanti negli anni che, con grande rapidità, impasta gnocchi per il pranzo domenicale, magari servendosi del matterello e dei ferri da calza, strumenti anticamente usati per ottenere il formato desiderato. In tutto questo territorio, nelle valli e nelle piccole borgate, nascono pastifici e ristoranti che offrono, gnocchi, lasagne, ravioli ripieni conditi con verdure di stagioni, tagliatelle con burro e tartufo, paccheri, fusilli, cavatelli e orecchiette, formati realizzati tutti con farina di grano duro, ottimi se conditi con sugo di carne di maiale o agnello, con salsa di pomodoro, con funghi, con tritato di noci e nocciole fritto in un olio extravergine di oliva. Particolari sono i ravaiuoli e i cicatielli col pulieio, un' erba amara locale. L'Irpinia, dunque, è la custode delle ricette tradizionali più antiche legate alla pasta, riprese dalle aziende locali attraverso l'uso delle più moderne tecnologie e una particolare cura dell'igiene.


Questo sito utilizza i cookie: cliccando su OK o proseguendo nella navigazione si acconsente all'utilizzo dei cookie.